Ultime stanze (vanitas artificis)

comment 0
Art projects

Performance with video projection, 2014.
Autofocus prize for the Performance, promoted by VANNI occhiali, curated by Olga Gambari.
The video of the performance at The Others Art Fair 2014 (by Contemporary Art Torino Piemonte).
Critical review by Olga Gambari.

IMG_5100

Behind the scenes_backstage Ultime stanze (vanitas artificis), 2014. Ph Pino Chiezzi

Su un cumulo di letame si compie un inseguimento. Un pavone pezzato, dalla coda rada e povera di piume, è braccato a vista da un’artista vestita di bianco. L’ostinato quanto infruttuoso tentativo di prossimità con l’animale si traduce in una nuova ricerca, un’affannosa operazione di scavo nello sterco: dissotterramento che porta alla luce lunghe piume variopinte, pressoché intonse, naturalmente refrattarie alla sozzura.

Muove l’azione un impulso a rovistare una incontenibile nostalgia della bellezza, qualcosa che attiene la sua fine, un’evocazione. Sembra che il mio (dis)corso persegua, sfidi e perseguiti quella perdita. Di un discorso sulla bellezza non è più (ancora?) tempo, quasi l’emersione della parola (quella parola) fosse necessariamente esposta al provvidenziale e consolatorio approssimarsi del cumulo di letame. Dai fondi della massa di deiezioni, l’ard(i/o)re di fare dalla bocca quell’unico verso (della e non sulla bellezza) sfida l’inevitabile ostruzione del volenteroso orifizio.

On a heap of dung, a harlequin peacock with a small tail is chased by the artist. The stubborn and unsuccessful attempt to reach the animal results soon in a new search operation, in a frantic digging in the dung: unearthing that brings to light long colorful feathers, naturally refractory to the filth.

io

The performance at Baricole, Vanni showroom (TO), 2014. Ph Pino Chiezzi

The performance at The Others Art Fair, 2014. Ph Viviana Rossi Caffell

The performance at Baricole, Vanni showroom (TO), 2014. Ph Pino Chiezzi

Lascia un commento